Stretta sui falsi biologi nutrizionisti. Blitz del Nas di Bari: due persone segnalate all’autorità giudiziaria nella provincia di Barletta-Andria-Trani

I carabinieri del NAS di Bari, nell’ambito di attività di contrasto all’esercizio abusivo della professione sanitaria di biologo nutrizionista, hanno segnalato due persone all’autorità giudiziaria. In particolare, nella provincia di Barletta-Andria-Trani, gli uomini della speciale “task force” dell’Arma, hanno sequestrato un intero studio professionale utilizzato da un 31enne, privo di titoli e abilitazione professionale.

Nel corso della perquisizione sono state rinvenute attrezzature tipiche della professione, documentazione sanitaria e apparecchiatura informatica per pubblicizzare l’attività abusiva sui social network. Il falso professionista è stato deferito alla procura della Repubblica di Foggia per il reato previsto dall’art. 348 c.p. (esercizio abusivo della professione di biologo).

Sempre i militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Bari, al termine di alcuni accertamenti svolti presso una farmacia ubicata nella medesima provincia, hanno deferito alla procura della Repubblica di Trani una farmacista per il medesimo reato. Infatti gli ispettori pugliesi hanno scoperto, all’interno dei locali della farmacia, apparecchiatura e documentazione attestante l’effettuazione di consulenze nutrizionali, quali piano diete, misurazioni antropometriche, valutazioni dello stato nutrizionale, tutte attività escluse dalla professione di farmacista. Tutte le apparecchiature sono state sottoposte a sequestro, il cui valore complessivo ammonta a circa 200mila euro.

In riferimento a questa notizia, l’Ordine dei Biologi comunica che si costituirà in giudizio parte civile.

L’articolo completo su salute.gov.it